.

  Banaadiri [ Banaadir-Una regione antica dell'Africa Orien.Banaadir intendiamo quella fascia costiera dalla cittadina di Warshiikh a nord di Mogadiscio fino a Raskiyamboni verso il confine col Kenya,Kisimayo inclusa.I banaadiri hanno origne araba,Bantu&Cuscito ]
 
Diario
 


Banaadiri in Italia

           
banaadiri@gmail.com
Il territorio dei Banaadiri - indicato con la manina - nel Corno d'Africa


Il Territorio dei Banaadiri
Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri to use


Messaggi di saluto e sostegno inviati durante la manifestazione Italia Africa del 2004
Festa d'Africa Festival 2005



Two thousand seasons of rain
When incense weeps

By Irena Knehtl
For the Yemen Times



Mappa -indicazione del Banaadir nel Continente Africano-Banaadiri


Enzo Biagi














Questo blog sostiene la nomina
di Enzo
Biagi Senatore a Vita.


Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Contact Banaadiri Italy:
banaadiri@gmail.com

 Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy






Emblema Storica 
   del 
Banaadir.


Foto botte parlamentari Somalia - Allpuntland






Dagaalkii Ka dhacey Barlamaanka
Le botte e bastonate che si sono date parlamentari
Della Somalia Federale in Kenya
 (Video from Reuter)


Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy


United Nations Environment
Programme:
After the
Tsunami: Rapid Environ-
mental Assessment

 

A place for poetry
The Maldives and the post-Tsunami era

By Irena Knehtl
iren_knehtl@yahoo.com
For The Yemen Times

Poetic images from the desert
Beauty in the barrenness of the Empty Quarter

By Irena Knehtl
iren_knehtl@maktoob.com
For The Yemen Times


Protest letter concerning the
future political order of Federal
States of Somalia and the
position of the Banaadiri and
the Banaadir

Mr. Mohamed Abbas Sufi
President of the Banaadiri
Community in Italy
Abokar M. Sadiq
President of the Banaadiri
Community in Switzerland
 
Full Story...
 
Yemen Times-Sana'a/Yemen

Human Rights Watch

Rapporto-denuncia
su torture e maltrattamenti
nelle prigioni Iraqene



Leggi...

Costituzione Europea
Il Testo finale

Leggi...

Reporter

Reporter Associati
e Paolo Mondani su EcoRadio



Tutti i giorni
dal Lunedì al Venerdì
dalle 19.15 alle 19.45

Entra...



Amin Amir's Cartoon ...


Samir's Cartoon
Yemen Times


The culture of people of
Banaadir (part 2)


Yemen Times
Henna - one of the famous traditions
of Banaadir.

Irena Knehtl & Mohammed Abati
For Yemen Times
iren_knehtl@yahoo.com



The culture of people of Banaadir (part 1)

Yemen Times

Banaadiri women weavering outdoors.

By Irena Knehtl &
Mohammed Abati*
For the Yemen Times
iren_knehtl@yahoo.com


29/9/2004
Nr. 559-01/08 October 2004
Africa e Medio Oriente
Somalia - Banaadir, il paese dei
porti  - per tramite
President of Banaadiri Community in Italy
di Mohamed ABBAS



home page liberate la pace
Assoc. Un Ponte per ...
www.unponteper.it


 

 

 

 

 





Banaadiri, The renewal of a
    
millenary identity’ is
      
published, Italy.
       
In order to have
          it contact us

 



New
Corno d’Africa, fuga dall’inferno
di E. Casale &
Mohamed ABBAS Sufi

Si trova già in edicola
Published in June 2004

 



Novembre 2003
Attualita italiana/Immigrazione
di Bianca S. = Mohamed Abbas
PANORAMA - Fuga dalla Nazione
che non esiste più |
 
Con la guerra civile, lo stato è nel caos.
Non c'è il governo e neppure l'anagrafe.
Così, i profughi che sopravvivono alla
traversata non possono neanche
chiedere asilo politico. 
 

 


Rivista Africa & Mediterraneo
Nr. 3/01 (37) - Totale Pag. 80 pp
Situazioni
Banaadir, un popolo e un'identità
negata a cura di Mohamed Abbas Sufi

 

 

 

 

 



 

Nuredin Hagi Scikei
Somalia: un’invenzione italiana
















 
Congresso Internazionale sul Corno d'Africa
Seminaire de Rome sur la Corne d'Afrique
Il Congresso Internazionale
Corganizzato dall'ACBI con
L'università di Bologna, sul
Tema ''
The Horn of Africa between
History, Law and Politics'' 2002/2003
Il programma nel sito dell'Univ. di Bo

Horn of Africa - UniBo Magazine





 
Immigrati e italiani: il futuro è convivenza



Profile and Book Review
BANAADIR: The Country of Harbors

By Irena Knehtl

Marka. This coastal city is 50 km south of
Mogadishu, and was founded by the Arab
Banaadiris.

iren_knehtl@yahoo.com
For the Yemen Times












 

 




ASSOCIAZIONE CULTURALE DEI BANAADIRIANI
IN ITALIA (ACBI)
-
I Banaadiri sono un popolo
multietnico e mutliculturale che abitano nel
Corno d'Africa.Essi sono composti da popolazione
di origine Araba, Bantu e altri gruppi Cusciti.
Banaadir è una delle regioni più antica
dell'attuale Somalia,  ed il suo capoluogo è
Mogadiscio detta anche '' XAMAR''.
Il sito  - websitedei banaadiri in Italia :
    
www.banaadiri.org   

moh_cabbas.jpg (30017 bytes)

 


Presidente dei Banaadiri in Italia ( ACBI).
Il presidente dell'Associazione Culturale dei
Banaadiriani in Italia - ACBI, è uno membri 
attivi e promotore del gruppo che fondo’ la
stessa Associazione.
Egli è
uno dei portavoce del Popolo Banaadiri
nel mondo,
e si propone di stimolare l'attenzione
delle cancellerie inter
nazionali, sopratutto in
Europa, con proposte che possono
contribuire
alla soluzione politica dei gravi problemi del
Corno
d'Africa (una regione legata all’Italia da
 una lunga storia di rapporti culturali, politici,
economici e sociali). 

 

 

 

 

 


Foto di Gruppo del Congresso Internazionale
sul tema Corno d'Africa tra Storia, Diritto e Politica,
coorganizzata con l'Univ. di BO - Copyright ACBI

 

 

 


 


Foto di un Gruppo di Banaadiri al secondo
Congresso Intern. dei Banaadiri in Netherland
anno 2002 - Copyright ACBI

 

 

 

 

  

President of Banaadiri     President of Banaadiri Italy
Italy                                  Netherland

 

 

 

 

 
President    Banaadiri   President    Banaadiri
Swiss                              United Kingdom
 

 

 


 


President    Banaadiri   President    Banaadiri
Swiden                            Minesota - USA
  

 

 

 

 


Giornalista Banaadiri   Intellettuale Banaadiri

 

 

 

 

 Rappresentanti dell'Istituzioni Ollandese

 

 

 

 

Intellett. Banaadiri       Resp. giovani Banaadiri 

 

 

 

 

Intellettuale Banaadiri     Intellett. Banaadiri 





 



Salim H. Mao/Master of Markacadeey

salim_mao_3 copy.jpg (23919 bytes)

Foto di gruppo di banaadiri in Ollanda

all6 copy.jpg (45476 bytes) 
engabbas.jpg (24845 bytes)
holland2.jpg (29259 bytes)
salim2.jpg (26418 bytes)
odoyaal1.jpg (30240 bytes)
all3 copy.jpg (41122 bytes)
aweys_khamis2.jpg (32550 bytes)
odayaal5.jpg (41019 bytes)
odayaal9.jpg (42898 bytes)
odayaal10.jpg (40083 bytes)
shirka_2aad_13.jpg (44490 bytes)
sharif_cumar.jpg (39870 bytes)
anisa.jpg (41556 bytes)
guud1.jpg (43205 bytes)
guud4.jpg (44304 bytes)
ikar1.jpg (34306 bytes)
















muridi1.jpg (39339 bytes)
A.jpg (25929 bytes)
sharif_cumar3.jpg (35901 bytes)
aweys_axmed.jpg (41225 bytes)
buwe.jpg (34499 bytes)
x2.jpg (35790 bytes)
holland2.jpg (29259 bytes)
shirka4.jpg (25652 bytes)
sharif_cali.jpg (27221 bytes)
moh_cadde.jpg (29983 bytes)
oday4.jpg (23065 bytes)
nuur_sharif2 copy.jpg (23995 bytes)
maclow1.jpg (33075 bytes)
ibrahim.jpg (24127 bytes)
 
oday11.jpg (18210 bytes)
minesota.jpg (33746 bytes)
moh_xabib.jpg (27007 bytes)
from_swiss.jpg (22827 bytes)


Contact Banaadiri in Italy:


banaadiri@gmail.com
or,
banaadiri1@yahoo.it


23 marzo 2012

Inaa li Allah wa Inaa Ilayhi Raajicuun ...



Inaa li Allah wa Inaa Ilayhi Raajicuun:

Anigoo ku hadlaaya magaca Caa’ilada Cabaas Suufi Maxamed Majawe iyo Caa’ilada Faarax Sugulle Samatar, waxaan tacsi tiiraanyo leh u direnynaa Umadda Soomaaliyeed, gaar ahaan caa’ilada iyo ehelka uu ka geeriyooday Marxuum:

MADAXWEYNE CABDULLAAHI YUUSUF AXMED

Oo ahaa halgame, halyey isku dayay inuu mideeyo wadankayaga, ahaana Madaxweynihii oogu horeeyay ee qaarada Afrika oo istiqaalad dhiiba isagoo weli ah madaxweyne.

Allaha u naxriisto, samir iyo imaan Eebe hanaga siiyo, Jannadii firdowsana Eebe haka waraabiyo. Amiin Yaa Allah.

Maxamed Cabaas Suufi Majawe




permalink | inviato da Banaadiri il 23/3/2012 alle 20:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 marzo 2012

Inaa li Allah wa Inaa Ilayhi raajicuun...

Inaa li Allah wa Inaa Ilayhi raajicuun è morto oggi L'Ex Presidente della Somalia Federale, tra i pochi che hanno cercato di unire il paese e restituire onore alla mia patria. Uno dei primi nel contesto africano che hanno dato le proprie dimissioni nel mentre erano in carica. Oggi la Somalia piange personalità di prestigio come H.E. Presidente Abdullahi Yusuf Ahmed.





permalink | inviato da Banaadiri il 23/3/2012 alle 18:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 gennaio 2012

Others (NUS 0.5) mar waliba “Xaq ma ahan ee waa xal” maku imaan karaa xalka Soomaaliya By Abuukar Maxammed Sadiiq


Others (NUS 0.5) mar waliba “xaq ma ahan ee waa xal” maku imaan karaa xalka Soomaaliya. By Abuukar Muhammed Sadiiq

Anigoo ah guddoomiyaha Ururka qoowmiyadda Banaadiri ee dalka Iswiiska Abuukar Muxammad Sadiiq waxaan madaxda beesha Qoowmiyadda Banaadiri iyo beelaha kale nala mid ah ee aan hubeysneeyn ugu baaqayaa in lagu dadaalo sidii loo joojin/hor'tagi lahaa nidaamka xaq darrada ah ee wax wada qeeybsiga 4.5ka. Madaxda qabqablayaasha beelaha hubeeysan weli ay maskaxdoodi ka bixin habkaasi, waxaan u sheegayaa marka hore in DHUL DADKIISA ISKA LEH, waxaana leeyahay ka fiirsada waxaad damceeysaan iyo dhulalka sheeganaysaanba, sababtoo ah, Soomaaliya manta dhibaatada ugu weyn ee haysata waa dhul kala haysasho, dowlad Soomaali ahne u dhismi la'dahay in ka badan 20 (labaatan) sano, sidaas darteed beel kastaba haku ekaadaan dhulkoodi ee yeeysaan damcin dhul aan isir iyo assalba u lahayn. Badbaadinta dhismaha dowladda Soomaaliya waa in loo maraa waddo ku dhisan caddaalad '' SINNAAN IYO CADDAALAD WAA AASAAKA DOWLADNIMADA '' ee yaan lala aadin dulmi ama dano qabiil. Awood qaybsiga habka 4.5ka ma aha mid ku qotoma caddaaladda iyo sinnaanta, wuxuuna ka soo hor'jeedaa: dhaqanka hiddaha Soomaaliyeed, maxaa yeelay beelaha Soomaaliyeed tiro ahaan aysan isla ekeyn, deegaan ahaanne ay ku kala weynyihiin ; beelaha xaqoodi nus laga dhigay laga yaabo in ay ka tiro badan yihiin beelahaas qaarkoodi ay isku tiriyaan beelaha waaweyn.

Waxaa yaabka yaabkiisa ah in madaxdii hore ee maxaakiimta oo maantane qaarkoodi madax ka yihiin dowladda KMG ee Soomaaliya in ay ku doodi jireen habka 4.5ka inay tahay xaaraan, caddaalad darro marka loo fiiriyo dhankastaba, xagga diinta Islaamkuna iyo dhanka bulshada soomaaliyeedna ay dulmi tahay in beelaha hubeeysan laga sareeysiiyo beelaha aan hubaysneeyn ee aan dhibka geeysan, maantane nidaamkaasi ay wataan madaxdaasi. Madaxdaasi oo hor'muud u yahay Sh. Shariif Sheekh Axmed madaxweeynaha dowladda KMG Soomaaliya markii la weeydiiyey sababta ay u hir'galinayaan nidaamkaasi? waxay ku jawaabeen: xaq looma baahnee xal baa loo baahanyahay iyagoo qarinaya xaqa, baadilkana lagu dhaqmo, taasoo ka soo wada hor'jeeda beelaha aan hubeesneeyn.

Ilaa iyo maanta mala yaqaan habka xaqdarrada ah ee nidaamka 4.5ka meesha laga keenay, mana qabo dhaqanka Soomaalida, sidoo kale xittaa Sharciga Caalamka iyo Shareecada Islaamkaba. Haddii aan laga hor'tagin nidaamkaasi lagu qeeybin doono: xildhibaanada iyo wasiirada wuxuu u sii gudbidoonaa: agaasimayaasha guud ee wasaaradaha, taliyeyaasha militariga iyo boliiska, safiirada iyo qunsuliyiinta wakiil inooga noqon doona dowladaha caalamka iyo wixii la mid ahba iyadoo loo eegeeynin aqoonta iyo xirfadda aay leeyihiin ee lagu magacaabidoono kaliya nidaamka xaaraanta ee 4.5ka oo ah sunta ku dhex saaqan madaxda beelaha hubeeysan oo loo baahan yahay in loo helo daawo aay ku caafimaadaan.

Haddaba, waxaa ii caddaatay in madaxda qabqablayaasha beelaha hubeeysan ee wata habka 4.5ka in aay waxba ka aqoonin taariikhda Soomaaliya khaasatan kan Qoowmiyadda Banaadiri, sababtoo ah marne maku dhawaaqi laheeyn nidaamkaasi xaqdarrada ah hadii aqoon taariiqeed aay u lahaan lahaayeen ee aqoon darro ayaa u geeysatay.

Sidaas darteed, madaxda qabqablayaasha beelaha hubeeysan waxaan la socodsiinaa in xisbigii gobanimadoonka ee SYL oo la aasaasay taariikhda markii ahayd 15.05.1943kii oo ka koobnaa 13 dhallinyaro ah jn tiro ahaan u badnaayeen dhallinyarada Qoowmiyadda Banaadiri guddoomiyane u ahaa Xaaji Muxammad Xusseeyn; dhallinyaradaas waxaay diidanaayeen siyaasadda gumeeysiga oo aheeyd qeybi oo xukun.

Xisbigaasi baaqiisu wuxuu ahaa: '' AXYAA WADDANI, SOOMALIYEEY TOOSOOY IYO QABIIL QARAN MA DHISO ''. Dastuurka xisbigaasi waxaa ugu waaweeynaa kana mid ahaa: 

in dalka lagu hoggaamiyo diinta iyo shareecadda islaamka, in la cirib tiro dhaqamada xun-xun oo aay ka mid yihiin: qabiilka iyo qabyaaladda iyo is quursiga, in la hor'mariyo aqoonta , hiddaha iyo dhaqanka fiican. Haddaba, madaxda qabqablayaasha beelaha hubeeysan waxaan la talinayaa inta aay fal ku kicin ama suubin sida nidaamka 4.5ka in ugu horreeyntii iney xog'ogaal u noqdaan taariikhda beelaha Soomaalida khaas ahaan taariikhda dhabta ah ee qoreyaasha caalamka ay ka qoreen Qoowmiyadda Banaadiri, qoraaladaas aad ka heli kartaan bibliyooteegyada waaweyn ee caalamka, '' AQOON LA'AAN WAA IFTIIN LA'AAN'', '' GADAAL KA GAAR WAA GOOB DUMIS '', sababtoo ah muwaadhiniin ay u soo halgameeyn xor'nimada Soomaaliya maantane awood qeeybsiga lagu sheegaayo OTHERS ama NUS AH waa yaabee!!!.

Sidaas daraadeed, dhammaan guddiyada ururada qoowmiyadda Banaadiri ka dhisan dowladaha caalamka iyo siyaasiyiinta, diblomaasiyiinta, odayaasha dhaqanka, indheer garadka,caalimiinta, dhallinyarada iyo hooyooyinka waxaan u soo jeedinayaa in si deg deg ah aan u wada bilaawno 3da qodob inoogu muhiimsan oo ah kuwa soo socda:

B) In la abuuro guddi xalaal ah oo lagu magacaabaayoo: GUDDIGA DIFAACA XUQUUQDA SHACBIGA QOOWMIYADDA BANAADIRI, taasoo lagu gaari karo in aannu isku mowqif ahaano, codkeenuna uu ahaado hal kaliya, inaan ka qeeybgalno fadhi kasto la qabanaayo ee ku saabsan dib u dhiska dowladda Soomaaliya iyo dib u heshiisinta khilaafaadka ka taagan dowladda ku meel gaar ah iyo beelaha ka soo hor'jeeda oo annaga ka mid nahay;

T) si loo dhiso guddigaasi waxaan soo jeedinayaa in guddiyaasha ururadeena inooga ghisa dowladaha caalamka in ay soo magacaawdaan 2/3 qof si aan go'aan uga gaarno meeshii isku imaan laheeyn anigoo talo ahaan u soo jeedinaayo magaalada Genève ee waddanka Iswiiska.

J) ka qeybgalkeeynu shirarka la qabanaayo ee arrimaha dowladda Soomaaliya in doodeenu uu ahaado sidii aan ku soo cesha laheeyn xuquuqdeena iyo dhulkeenaba '' XUQUUQ IYO DHUL DHIMANAAYO WAA LOO DHINTAA '' Waxaan ku rajaweeynahay in arrimaheena oo idin soo jeediyey in si dhaqso ah u wada hir'galino, wada shaqeeyn joogto ahne aan wada yeelano, wa billaahi attoowfiiq.

aalfaqiih@hotmail.com




permalink | inviato da Banaadiri il 23/1/2012 alle 21:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


25 febbraio 2011

TACSI


Anigoo ku hadlayaa magaca Caa’ilada Cabaas Suufi Maxamed Majawe, waxaan tacsi u diraynaa Hooyo Madiixa, caruurteeda iyo ehelka Reer Faqi oo idil, tacsidaasoo ah mid tiiraanyo iyo naxdinta leh, lana xiriirta Allaha u naxriistee waalidkooda :

Marxuum Iikar Amiin Iikar

oo ku geeriyooday magaalada Sweden.

Waxaan Eebe ooga baryeynaa inuu Aabe Iikar ka waraabiyo Janadii firdowsa, ehelakii iyo caruurtii uu ka geeriyoodeyna samir iyo iimaan ka siiyo.

Amiin Yaa Allah.

Mudane Maxamed Cabaas Suufi




permalink | inviato da Banaadiri il 25/2/2011 alle 21:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 agosto 2009

Strage ...








Strage, la Chiesa accusa 'Come ai tempi della Shoah'

Sui migranti morti fra l'Africa e Lampedusa la Cei parla di "offesa all'umanità" e l'Avvenire è durissimo. Scetticismo del Viminale sul racconto dei cinque sopravvissuti, che parlano di 73 morti. Altri 44clandestini sbarcati all'alba nell'isola siciliana /




permalink | inviato da Banaadiri il 21/8/2009 alle 12:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 luglio 2009

Yemen ...


YEMEN: 15 MORTI IN SCONTRI, STAMPA

Incidenti avvenuti a Zahra, a 100 km dalla capitale Sana'a

(ANSA) - BEIRUT, 21 LUG - Quindici persone uccise e altre decine ferite in Yemen negli scontri tra ribelli sciiti e seguaci del partito sunnita d'opposizione. Lo riferisce il quotidiano al Hayat, edito a Londra. Gli scontri sono avvenuti tra sabato e domenica scorsa ma la notizia e' stata diffusa soltanto oggi.Gli incidenti si sono verificati a Zahra, a circa 100 km a nord della capitale Sanaa, dove numerosi ribelli sciiti avrebbero assaltato una moschea, controllata dai seguaci del partito sunnita d'opposizione.
Fnte : Ansa






permalink | inviato da Banaadiri il 22/7/2009 alle 10:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 luglio 2009

Obama agli afro-americani ...

IL DISCORSO DEL PRESIDENTE DAVANTI A 3 MILA NERI A NEW YORK

Obama agli afro-americani: «Non cercate scuse»

«Il destino è nelle vostre mani. Puntate a fare i presidenti, non i rapper o i cestisti»

Barack Obama (Reuters)
Barack Obama (Reuters)












DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
NEW YORK — Nel giugno 2008 scatenò un putiferio quando, in occasione della festa del papà, esortò i padri afro-americani a porre fine al loro assenteismo cronico. Giovedì sera il presidente Obama è tornato alla carica con un analogo discorso, definito «storico» dai media, diretto questa volta ai giovani neri. Dal podio della Naacp, la più grande associazione per i diritti civili che ha compiuto 100 anni, Obama è tornato ad indossare i panni del predicatore, con un appassionato sermone di 45 minuti alla Black America. «Non tutti i vostri figli possono aspirare a diventare LeBron o Lil Wayne — ha detto riferendosi ad una star del basket e a un rapper —. Voglio che aspirino a diventare scienziati, ingegneri, dottori, insegnanti, giudici della Corte Suprema e presidenti degli Stati Uniti». «I genitori — ha proseguito — devono assumersi le loro responsabilità, mettendo da parte i videogiochi e mandando i figli a letto presto». «Il vostro destino è nelle vostre mani, non dimenticatelo», ha detto, rivolgendosi «a tutti gli altri Barack Obama che un giorno potrebbero diventare presidenti». Di fronte all'elegante platea di 3 mila afro-americani il primo presidente afro-americano della storia Usa non ha esitato ad attribuire a sua madre — una bianca — il merito dei suoi successi. «Se non fosse stato per lei la mia vita avrebbe preso una piega tutta diversa». «Quando guido per Harlem o nei quartieri del South Side di Chicago e vedo quei giovani spacciatori all'angolo, mi dico "quello potrei essere io"». (...)
Fonte : Corriere online




permalink | inviato da Banaadiri il 22/7/2009 alle 10:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 luglio 2009

A Milano Si al ricorso di un Immigrato

L'uomo, marocchino, era stato escluso da un concorso in base a un regio decreto
I giudici: "C'è un carattere discriminatorio nel comportamento dell'azienda"

Metrò Milano, si al ricorso di un immigrato
Salvini: "Giudici vadano in Marocco"


Metrò Milano, si al ricorso di un immigrato Salvini: "Giudici vadano in Marocco"











MILANO - Il Tribunale del lavoro di Milano ha parzialmente accolto il ricorso del marocchino Mohamed Hailoua, che lamentava di non poter essere assunto dall'Atm, l'Azienda di trasporti milanese, a causa di un regio decreto del 1931 che prevede l'obbligo di cittadinanza italiana o europea per poter lavorare nel trasporto pubblico. I giudici hanno ordinato all'azienda milanese di "rimuovere la richiesta di cittadinanza italiana o europea tra i requisiti per l'assunzione". 
Il ricorso era stato presentato con l'associazione Studi giuridici sull'immigrazione e la onlus "Avvocati per niente". A stretto giro il commento di Matteo Salvini, consigliere comunale ed eurodeputato della Lega Nord: "Sentenza aberrante, i giudici si trasferiscano in Marocco". Per il vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato, "c'è il dubbio che la questione sia stata strumentalizzata ad arte per alzare un polverone contro Atm e, di riflesso, contro il Comune". Soddisfatti gli avvocati dell'immigrato: "Rimosso un ostacolo discriminatorio all'accesso al lavoro". 
L'uomo aveva presentato reclamo contro l'ordinanza del Tribunale del lavoro di Milano che aveva respinto un suo primo ricorso. Il collegio presieduto dal giudice Chiarina Sala ha dichiarato il "carattere discriminatorio" del comportamento dell'azienda, ordinando ad Atm "la rimozione della richiesta della cittadinanza tra i requisiti di selezione delle offerte di lavoro e delle proposte di assunzione, in moduli cartacei o telematici". Il tribunale di Milano ha stabilito che la permanenza del requisito di una determinata cittadinanza, ai fini dell'assunzione, "verrebbe ad assumere i connotati di una disparità di trattamento in senso diseguale e più svantaggioso per il 'non cittadino'". 
I giudici hanno quindi accolto quasi tutte le richieste del marocchino - escluso il risarcimento danni - e "accertato il carattere discriminatorio del comportamento di Atm". Quindi hanno ordinato all'azienda "la cessazione del comportamento e la rimozione della richiesta della cittadinanza tra i requisiti di selezione". Secondo i giudici, infatti, il regio decreto 148 del 1931, "è da ritenersi implicitamente abrogato nella parte in cui richiede la cittadinanza quale requisito di accesso al lavoro nel settore". 
Il primo commento è quello della Lega Nord. Secondo Salvini, che tempo fa aveva polemicamente proposto di riservare i vagoni della metropolitana ai residenti milanesi, "la sentenza è aberrante": "E' arrivata l'ora che questi giudici si trasferiscano in Marocco - dice - dove potranno assaporare le virtù del sistema giudiziario marocchino. A Milano i mezzi pubblici dovranno essere guidati solo da cittadini italiani. Chiamerò immediatamente Elio Catania (presidente di Atm, ndr) perché Milano e i milanesi siano rispettati e tutelati e gli fornirò centinaia di curricula di aspiranti autisti lombardi". 
De Corato, prende atto di una sentenza che "ribalta quanto deliberato in primo grado, segno che comunque la questione non è così chiara". Ma si dice "comunque perplesso che l'extracomunitario abbia fatto ricorso a un giudice in termini generali senza preoccuparsi di presentare la domanda di assunzione. Il che non spazza via i dubbi che la questione, che poteva essere sollevata in qualunque città d'Italia, sia stata strumentalizzata ad arte da alcuni ambienti solo per alzare un polverone contro Atm e di riflesso contro il Comune di Milano". 
Prevedibile la soddisfazione degli avvocati Alberto Guariso e Livio Neri che rappresentavano sia il marocchino che le organizzazioni che si sono occupate del caso. "Come associazioni promotrici dell'azione - commentano "Avvocati per niente" e "Studi giuridici" - siamo estremamente soddisfatti della decisione, che viene così incontro a esigenze di uguaglianza tra lavoratori e di efficienza del sistema economico". Una smentita, spiegano, "alle tesi di quanti pretendevano di fornire assurde giustificazioni a queste barriere che qualificano gli stranieri, per il semplice fatto di essere 'non cittadini', come fonte di rischi per la sicurezza pubblica".
Fnte: repubblica online




permalink | inviato da Banaadiri il 22/7/2009 alle 10:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 luglio 2009

Via 17Mila precari...,

Via 17mila precari, 8mila prof in più la stangata Tremonti-Gelmini

Scuola, sono cresciuti a dismisura i docenti che rimarranno senza cattedra. Per molti supplenti la Cgil parla di licenziamenti: hanno lunghi anni di serviziodi SALVO INTRAVAIA
Fnte: Repubblica online




permalink | inviato da Banaadiri il 22/7/2009 alle 10:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 luglio 2009

Scambiato per un ladro un docente Nero...

Harvard, arrestato professore nero «Scambiato per un ladro, è razzismo»

16:12 CRONACHEHenry Louis Gates, docente del prestigioso ateneo, bloccato mentre tenta di rientrare a casa. Accuse alla polizia: «Preso per scassinatore a causa del colore della mia pelle»




permalink | inviato da Banaadiri il 22/7/2009 alle 10:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 luglio 2009

Puzzi, sei meridionale ...,

In classe: «Puzzi, sei meridionale»  La mamma gli fa cambiare scuola

10:05 CRONACHELa donna denuncia i comportamenti razzisti dei compagni a una tv locale: gli altri alunni intonavano canzoni contro i napoletani e disinfettavano le penne toccate dal figli

Fnte: corriere della sera online




permalink | inviato da Banaadiri il 22/7/2009 alle 10:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 maggio 2009

Il Caso, dirigenti scolastici che non ti aspetti ...,

 

Circolare anti-clandestini Bufera sulla preside

I nomi degli alunni letti ad alta voce in classe dagli insegnanti La replica della dirigente: «Nulla di male in quello che ho fatto»

PADOVA - Circolare «an ti- clandestini» nella scuola professionale Leonardo Da Vinci di Padova. La preside An na Bottaro, la scorsa settima na, ha raggiunto con una co­municazione nelle classi tutti gli studenti stranieri extraco­munitari di quinta superiore invitandoli a presentare entro il giorno seguente il permesso di soggiorno. «Prevediamo che la commissione per l’esa me di Stato vi richieda il per messo di soggiorno quindi, vi invitiamo a consegnarlo entro domani», recitava la circolare che non poco scalpore ha su scitato. Lettera scritta dalla preside che riportava i nomi e i cognomi dei ragazzi stranieri che a giugno dovranno affron tare l’esame di maturità, nel l’intestazione del documento c’erano i nominativi, che sono stati citati a voce alta nelle ri spettive classi dai docenti mentre leggevano le direttive della preside. La circolare è stato spedito in via anonima dagli stessi insegnanti del Leo nardo Da Vinci, sbigottiti per la decisione della preside, al sindacato Cobas scuola di Pa dova che oggi, in un incontro organizzato assieme all’asso ciazione Razzismo Stop, rivele rà tutti i dettagli del caso che definiscono «un grave episo dio di discriminazione e razzi smo».

Gli studenti stranieri han no visto il loro nome e cogno me scritto in bella vista sulla circolare e li hanno sentiti pro nunciare a voce alta dai docen ti durante le lezioni. Come se fossero dei «fuorilegge». «E se la preside avesse sco perto che non avevano il per messo di soggiorno, avrebbe denunciato gli studenti per ché sono clandestini?», si in terroga Carlo Salmaso, rappre sentate provinciale dei Cobas scuola. L’allarme del sindaca to e dell’associazione Razzi smo Stop punta il dito su quel la che potrebbe leggersi come un’azione da «preside-spia», in pieno clima del pacchetto sicurezza varato del governo, che introduce in Italia il reato di clandestinità. «Non ci sono norme che impongano la deci sione che ha preso la dirigen te scolastica dell’istituto pro fessionale di Padova, ha agito di sua iniziativa - spiega Sal maso - . Inoltre, c’è una senten za della Cassazione che fa da precedente, la corte si espri me a favore di una ragazza straniera che era stata esclusa dall’esame di Stato perché pri va di permesso di soggiorno. In quel caso la sentenza ha messo in chiaro che il diritto allo studio prevale e non può essere negato anche in assen za di permesso di soggiorno».

Solo l’altro ieri è esploso un ca so simile a Genova, dove una preside di tre istituti professio nali si è recata nelle aule e ha scritto alla lavagna nome e co gnome dei possibili studenti clandestini, invitandoli a pre sentare i documenti in segrete ria. «E’ allarmante questo acca nimento contro gli stranieri conclude Salmaso - , siamo spaventati della piega che sta assumendo la situzione nelle scuole, per opera di certi presi di, sulla scia del decreto sicu rezza ». La preside Anna Bottaro del Leonardo Da Vinci, istituto con alta frequenza di stranieri iscritti, che recentemente han no partecipato anche ad un vi deo per l’integrazione, rispedi sce le accuse al mittente: «Avrò fatto trecento circolari per gli stranieri dall’inizio del l’anno - sbotta - e non vedo niente di anomalo, i ragazzi hanno portato il permesso di soggiorno a scuola e adesso è inserito nei loro fascicoli». Sa rà, ma nomi e cognomi sono stati fatti, di studenti stranieri che in molti casi vedono co me una conquista riuscire a studiare e completare gli stu di con un diploma, di sicuro si sono sentiti pubblicamenti co stretti a dimostrare la loro con dizione sul territorio italiano per non rischiare di perdere il diritto a sostenere l’esame di maturità.

Fonte: Corriere del Veneto.
Martino Galliolo 
21 maggio 2009




permalink | inviato da Banaadiri il 21/5/2009 alle 13:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 maggio 2009

Straniero? Scrivi il nome alla lavagna!

Straniero? Scrivi il nome alla lavagna!

Nell’Italia del razzismo tutto è possibile. Anche che una dirigente scolastica zelante, prima ancora che la legge sia emanata, decida di ‘verificare’ se ci sono ‘clandestini’ in aula.


lavagna




In classe l’insegnate sta facendo lezione quando arriva la preside, va alla lavagna e scrive i nomi degli studenti non italiani prossimi a compiere diciotto anni. Pronuncia i nomi ad alta voce e se ne va, c’è l’aula dopo pronta ad aspettarla, deve ripetere l’operazione. Per tre plessi scolastici, centinaia di studenti coinvolti.
Non è un film di fantascienza, ma la singolare decisione presa da Rosanna Cipollina, per altro abituata ad essere ‘efficiente’. Già l’anno scorso ne aveva combinata un’altra a La Spezia.
Ai minorenni è garantita l’istruzione, ma con i maggiorenni le cose cambiano ed allora è bene essere ‘vigili’, avrà pensato la donna. Peccato forse non sia ‘coraggiosa’ quanto basta. Nel nostro Paese se si hanno genitori senza permesso di soggiorno, se si vive con cpochi soldi e si va a scuola, con la maggiore età si perde il diritto all’istruzione e si finisce nei Centri di identificazione ed espulsione.
Lei ha preparato la lista d quelli “a rischio” e poi è andata aula per aula a notificarla. Secondo lei lo ha fatto per  Si è giustificata sostenendo di averlo fatto in modo da azzeccare la pronuncia giusto, per non sbagliare. Il sistema della ’segnalazione alla lavagna’ secondo Cipollina non ha nulla di bizzarro, ma è un modo semplice per convocare i ragazzi in segreteria.
L´istituto professionale per il commercio Casaregis, a Sampierdarena e nelle altre due strutture scolastiche accorpate, l´istituto tecnico industriale Galilei e l´Einaudi impovvissamente sono piombati improvvisamente nel medioevo voluto dal governo di centro destra.
Molti insegnati sono inorriditi ed hanno scritto una lettera di protesta al provveditore ed hanno cercato di parlare alla preside, che però si è ben guardata dal farsi trovare.
Ieri sono arrivati gli ispettori, mandati dalla direttrice dell’Ufficio scolastico provinciale, Sara Pagano. La dirigente ha dichiarato:”L’intenzione della preside era ottima, era quella di evitare che i ragazzi non potessero sostenere l’esame. Il modo poteva essere diverso, ma credo che la vicenda abbia avuto un risalto sproporzionato”. La giustificazione della dirigente è ancora più surreale.
Paolo Quatrida segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza, ha ricordato che sono decine i ragazzi non italiani a raggiungere la maggiore età durante quest’anno scolatico. Finiranno tutti sulla lavagna della zelante preside?
Ha spiegato il sindacalista: “In genere gli istituti, quando raggiungono la maggiore età, fanno finta di niente: non vanno a verificare se gli studenti diventeranno automaticamente ‘regolari´. La questione diventa però inevitabile quando i ragazzi sostengono l´esame di maturità. In passato si è aggirato il problema grazie a visti temporanei. Di questi tempi, però, può accadere qualsiasi cosa. Anche che si scrivano dei nomi su di una lavagna”.
Una cosa è certa, oltre l’umiliazione di essere stati ‘mandati alla lavagna’ adesso molti di quei giovani sono caduti nell’angoscia di perdere l’occasione per fare gli esami e temono di essere espulsi. E con loro le famiglie.
La “precisione” di Cipollina non è cosa recente. Lo scorso anno a La Spezia aveva fatto scoppiare al professionale Chiodo il caso degli studenti “retrocessi di classe”. Una quindicina di alunni a causa di debiti pregressi non saldati, a suo parere non dovevano sostenere gli esami di maturità.
La storia è complessa e nasceva da una anomalia tutta locale. Nel 1998, l’allora preside Abramo Spinella, aveva varato un “progetto qualità”, con una informatizzazione spinta degli istituti “Chiodo”, professionale, e “Sauro”, nautico. Ogni ragazzo era stato dotato di pass di accesso, collegato a un sistema informatico centrale, al quale anche i genitori potevano accedere dal pc di casa, con una password. In sintesi, papà e mamma sapevano sempre se il figlio era a scuola. Ed il figlio aveva modo di autogestire i suoi corsi, scegliendo cosa frequentare e cosa no.
Una specie di sistema universitario, composto di moduli, nel quale si poteva avanzare di classe pur possedendo dei debiti scolastici: l’impegno era quello di saldare entro l’esame finale.
Poi l’anno scorso a marzo un combinato disposto pericolosissimo, il ministro Fioroni del governo Prodi e la preside Cipollina, ha incrociato i ragazzi spezzini ed è successo il putiferio. Perchè le decisioni del ministero erano di “serrare le fila”, ovvero “severità” (ben guardandosi dal riformare la scuola) e la zelante funzionaria era pronta a “procedere”. Risultato: tutti quelli che avevano debiti sono stati retrocessi all’anno precedente. Chi faceva il quinto in qurto, chi dal quarto è finito al terzo e così via.
Studenti in sciopero e come oggi Cipollina in silenzio: “Non è mia abitudine parlare, se non a scelte fatte: in questo momento molte decisioni sono in divenire”. I professori invece furono loquaci, uno di loro disse: “E’ vero che c’era qualche modifica da fare, ma qui anche gli immigrati e gli studenti lavoratori riuscivano ad autogestirsi, e arrivare al diploma: in modo diverso, certo, ma con un aiuto forte. Altrimenti, chi tenderebbe la mano ad un ragazzo in difficoltà, ad un professionale?”.
Il meccanismo messo a punto dall’ex preside Spinella era stato pensato per favorire i più deboli e per combattere l’abbandono scolastico. Si permetteva (inizialmente a tutti, poi solo ai maggiorenni) di frequentare compatibilmente con eventuali lavori ‘fuori’ e di avanzare, anche con un debito, pur di non farli uscire dal mondo dell’istruzione. Alla fine recuperavano e riuscivano a superare gli esami, perchè erano consapevoli e responsabilizzati.
In quel caso, come oggi, la dirigente scolastica non evitò di discriminare i migranti, anche se
oncretamente ‘rispettò’ i regolamenti. Infatti è qui il problema, leggi ingiuste e acriticità nell’applicarle. Un esempio della nuova Italia berlusconiana.
Fnte : InviatoSpeciale.com




permalink | inviato da Banaadiri il 21/5/2009 alle 9:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


20 maggio 2009

Genova, la preside segna i 'clandestini' alla lavagna

Genova, la preside segna i 'clandestini' alla lavagna
Shock a Genova, in tre istituti professionali di Sampierdarena: Casaregis, Einaudi e Galilei dove la preside ha scritto alla lavagna l'elenco dei possibili studenti clandestini. Proteste degli insegnanti, segnalazioni al provveditore. La preside si è giustificata dicendo di averli scritti perché temeva di sbagliane la pronuncia ed era un invito agli studenti a presentare i documenti in segreteria ma è esplosa la polemica. 

Una vicenda «gravissima», dice Roberta Pinotti, responsabile Difesa del Pd, quella degli Istituti Casaregis, Einaudi e Galilei di Genova dove la preside avrebbe fatto scrivere sulle lavagne i cognomi agli alunni immigrati in procinto di diventare maggiorenni, e dunque in "odore di clandestinità". «Solleverò la questione nell'aula del Senato - annuncia la parlamentare -. Io e l'onorevole Sabina Rossa stiamo presentando interrogazioni al governo nei due rami del Parlamento perchè il ministro Gelmini dia precise spiegazioni e intervenga immediatamente».

«Avevamo denunciato - sottolinea Roberta Pinotti - che il disegno di legge sulla sicurezza, mantenendo il reato di immigrazione clandestina, avrebbe implicato la possibilità di denuncia da parte di presidi, insegnanti e medici. Purtroppo questa possibilità sembra concretizzarsi ancora prima che il provvedimento diventi legge. Si tratta di fatti gravissimi, che spingeranno gli studenti immigrati quasi maggiorenni a non frequentare più le aule scolastiche. Qualcuno pensa davvero che spingere i ragazzi fuori dalla scuola sia un modo per aumentare la sicurezza dei cittadini italiani o di governare il fenomeno dell'immigrazione?».
20 maggio 2009
Fnte : Unita




permalink | inviato da Banaadiri il 20/5/2009 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 maggio 2009

ZUGLIANO. I preti del Balducci digiunano per protesta: no alle discriminazioni nelle istituzioni

 Il caso in Fvg,
UDINE. «Per comprendere esattamente la complessità del momento storico che stiamo vivendo, proprio in relazione al fenomeno dell’immigrazione, bisognerebbe investire molto di più sulla cultura che non sulle telecamere e sulle ronde. Anzi, oggi servirebbero piuttosto ronde di solidarietà». E’ quanto afferma don Pierluigi Di Piazza, parroco di Zugliano e responsabile del centro “Ernesto Balducci” a conclusione della Giornata di silenzio, preghiera e digiuno che si è tenuta ieri nella frazione di Pozzuolo per dire ancora una volta «no alle discriminazioni e al razzismo istituzionale» che sarebbero stati messi in atto anche nel nostro paese, e pure in regione, attraverso «i respingimenti di persone disperate nell’inferno da cui sono venute: la Libia, il deserto, i loro paesi impoveriti e insanguinati da violenze e guerre».
La giornata di Zugliano, promossa da una decina di sacerdoti friulani, appunto contro la discriminazione e per l’accoglienza dei migranti, è stata scandita da momenti di riflessione, preghiera e lettura di passi biblici e si è conclusa con la celebrazione dell’eucaristia. Numerose le persone che si sono aggiunte al gruppo di sacerdoti.
Alla giornata ha aderito anche don Federico Schiavon, cappellano dei rom a Udine e responsabile della pastorale dei nomadi in Italia, per conto della Cei. In un messaggio fatto pervenire dalla Francia - e reso noto dal sito web dell’Arcidiocesi friulana - don Schiavon afferma di non ritenere che i provvedimenti governativi «abbiano intenti razzistici e, tanto meno, che contengano misure di questo tipo, ma il contesto culturale e sociale in cui trovano applicazione - conclude - è tale per cui possono venire interpretati e recepiti in questo modo».
«Il fenomeno è complesso - aggiunge infatti don Di Piazza -, ma non è che si possa risolvere con iniziative che rispondono a emotività contingenti. Bisogna invece costruire sempre di più quella società multietnica e multiculturale, che nei fatti c’è già, nella pacatezza e nella legalità, non respingendo disperati e facendo trasparire che causa dei nostri mali sono soltanto gli immigrati».
Fnte: Il giornale del Friuli . net




permalink | inviato da Banaadiri il 19/5/2009 alle 13:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


7 aprile 2009

Scienza ...,Una gigantesca mano che sembra afferrare le stelle

Originata 1.700 anni fa a 17 mila anni luce dalla Terra. Scoperta da Chandra, telescopio orbitale ai raggi X

MILANO - Una gigantesca mano che sembra afferrare le stelle: è questa la spettacolare scoperta fatta dai ricercatori della Nasa. Una stella di neutroni, distante circa 17 mila anni luce dalla Terra, che ha le sembianze di una grande mano: l'incredibile scoperta è stata possibile grazie a Chandra, telescopio orbitale ai raggi X, che invia da quasi dieci anni immagini dallo spazio e che è destinato a scomparire presto nell'infinito spazio.



27 febbraio 2009

Pisanu: "Ronde, immigrati, medici...











Pisanu: "Ronde, immigrati, medici Discutibili le scelte del governo"

L'ex ministro dell'Interno critica le ultime scelte in materia di sicurezza: "Infame l'equazione straniero-delinquente. Avremo bisogno di 300mila immigrati all'anno".




permalink | inviato da Banaadiri il 27/2/2009 alle 15:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 febbraio 2009

Ecco



 REPUBBLICA TV "Io ti ho dato la tua donna"
Berlusconi, gaffe con Sarkozy
LA FOTOSEQUENZA




permalink | inviato da Banaadiri il 27/2/2009 alle 15:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 gennaio 2009

Approvata la nomina a larghissima maggioranza


















(ANSA) - NEW YORK, 21 gen - Hillary Clinton, l'ex first lady, e' ufficialmente segretario di Stato Usa. Il Senato ha dato l'ok a larghissima maggioranza. La Clinton, avversaria alle primarie democratiche del presidente Barack Obama, ha sostituito un'altra donna, Condoleezza Rice, la prima nera ad essere diventata responsabile del Dipartimento di Stato.


22 gennaio 2009

WASHINGTON, 22 GEN - Barack Obama

(ANSA):
WASHINGTON, 22 GEN - Barack Obama
ha giurato per la 2/a volta fedelta' alla Costituzione Usa davanti al presidente della Corte Suprema John Roberts.La decisione di ripetere il rito e' stata presa da Roberts dopo che alcuni costituzionalisti aveva sollevato dubbi sulla legittimita' del giuramento svoltosi davanti al Campidoglio, perche' non si era svolto in modo formalmente corretto. Roberts, infatti, si era sbagliato nel pronunciare le frasi di rito, invertendo l'ordine di alcune parole.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. WASHINGTON 22 GEN - Barack Obama ...

permalink | inviato da Banaadiri il 22/1/2009 alle 8:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     gennaio       
 

 rubriche

Diario
La Regione del Banaadir
ACBI
Immigrazione
Informazione dal Banaadir e dalla Somalia
Esteri
Africa
Politica
Informazioni Utili in Italia
Libri di Storia sul Banaadir e sul Corno d'Africa
Dhalasho

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Puntland News Media
Università di Bologna
Democratici di Sinistra
L'Unità
Amnesty International U.K.
United Nation
Banaadiri Bibliography
Yemen Times
Sito utile della Somaliland
Sito dell'UNHCR
Unione Europea (UE)
Khaleej Times UAE
Sultanate of Oman - OMAN -
CISL Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
(CGIL) Confederazione Generale Italiana del Lavoro
Ministero degli Interni
Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali
Banaadir Community in New Zealand [Home]
Nigrizia.it - il sito dell'Africa e del mondo nero
News Asmarino Com Front Page
Rivista 'Africa e Mediterraneo
League of Arab States Information
Arab News Paper Al Hayat
Bantu del Banaadir(Som)
Somaliland Times
Petracci Studio
Notizie per gli immigrati in Italia
Assoc. Areas nel FVG-Italy
Southern Somali Union
Sito Nuredin Scikei
La Regione del Banaadir
La Regione del Banaadir
sito Utile
Banaadir Community in Kuwait
banaadir Italia
DPR 334/04
Ilaria alpi
Associazione Culturale WarNews
Baidoa
guulane
Regione Emilia Romagna
Regione Friuli Venezia Giulia
Rivista Popoli
Riviste Italiane Utili
Rivista Intern. di Architettura
Rivista Internazionale in Italia
Istat - Italaina
Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro-CNEL
Comune di Pordenone
Comune di Roma
Comune di Gorizia
Eurostat
Risultato Elezione Amministrative del 2003 - in Friuli V.G.
Emergency - di Gino Strada
MATILDE MADRID
SERGIO COFFERATI
markacadey- net
Banaadir - Italy - ACBI
PAOLA T. BRUNI
GRUPPO 85
POPOLI
INTERNAZIONALE
ESPRESSO
LIUTPRAND - Alberto Arecchi
AIR ONE - ITALY
RYANAIR - ITALY
VOLARE - ITALY
Cultural Orientation Resource Center
Ansa Italiana
Nuccio Iovene
Un Ponte Per ...
Sito Utile . Asia
Sito Utile USA
Comuni Italiani
Mod. auto
Ajeeb
Nessuno.tv
Muslim Friendship
Gazzetta della Politica
Telefonate Gratis dal P/C - Inform.
Inform. Dal Medio Oriente & Mondo Arabo
Islam Ciid Card
Al Faqi (Qataan)
Alternative Media
Il Manifesto
Ajeeb.trans.utile
Al Jazeera
markacadeey
mercurio
Blog
Sito Banaadiri
Music
Banaadiri-Splinder
RaiNews24
Manifestazione ITALO/AFRICA
Banaadiri-1
banaadiri
STFG-Somali Federal Gov
SOuthern Somali Union
mercurio
Petracci

Blog letto 538416 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom