.
Annunci online

  Banaadiri [ Banaadir-Una regione antica dell'Africa Orien.Banaadir intendiamo quella fascia costiera dalla cittadina di Warshiikh a nord di Mogadiscio fino a Raskiyamboni verso il confine col Kenya,Kisimayo inclusa.I banaadiri hanno origne araba,Bantu&Cuscito ]
 
Libri di Storia sul Banaadir e sul Corno d'Africa
 


Banaadiri in Italia

           
banaadiri@gmail.com
Il territorio dei Banaadiri - indicato con la manina - nel Corno d'Africa


Il Territorio dei Banaadiri
Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri to use


Messaggi di saluto e sostegno inviati durante la manifestazione Italia Africa del 2004
Festa d'Africa Festival 2005



Two thousand seasons of rain
When incense weeps

By Irena Knehtl
For the Yemen Times



Mappa -indicazione del Banaadir nel Continente Africano-Banaadiri


Enzo Biagi














Questo blog sostiene la nomina
di Enzo
Biagi Senatore a Vita.


Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Contact Banaadiri Italy:
banaadiri@gmail.com

 Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy






Emblema Storica 
   del 
Banaadir.


Foto botte parlamentari Somalia - Allpuntland






Dagaalkii Ka dhacey Barlamaanka
Le botte e bastonate che si sono date parlamentari
Della Somalia Federale in Kenya
 (Video from Reuter)


Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy


United Nations Environment
Programme:
After the
Tsunami: Rapid Environ-
mental Assessment

 

A place for poetry
The Maldives and the post-Tsunami era

By Irena Knehtl
iren_knehtl@yahoo.com
For The Yemen Times

Poetic images from the desert
Beauty in the barrenness of the Empty Quarter

By Irena Knehtl
iren_knehtl@maktoob.com
For The Yemen Times


Protest letter concerning the
future political order of Federal
States of Somalia and the
position of the Banaadiri and
the Banaadir

Mr. Mohamed Abbas Sufi
President of the Banaadiri
Community in Italy
Abokar M. Sadiq
President of the Banaadiri
Community in Switzerland
 
Full Story...
 
Yemen Times-Sana'a/Yemen

Human Rights Watch

Rapporto-denuncia
su torture e maltrattamenti
nelle prigioni Iraqene



Leggi...

Costituzione Europea
Il Testo finale

Leggi...

Reporter

Reporter Associati
e Paolo Mondani su EcoRadio



Tutti i giorni
dal Lunedì al Venerdì
dalle 19.15 alle 19.45

Entra...



Amin Amir's Cartoon ...


Samir's Cartoon
Yemen Times


The culture of people of
Banaadir (part 2)


Yemen Times
Henna - one of the famous traditions
of Banaadir.

Irena Knehtl & Mohammed Abati
For Yemen Times
iren_knehtl@yahoo.com



The culture of people of Banaadir (part 1)

Yemen Times

Banaadiri women weavering outdoors.

By Irena Knehtl &
Mohammed Abati*
For the Yemen Times
iren_knehtl@yahoo.com


29/9/2004
Nr. 559-01/08 October 2004
Africa e Medio Oriente
Somalia - Banaadir, il paese dei
porti  - per tramite
President of Banaadiri Community in Italy
di Mohamed ABBAS



home page liberate la pace
Assoc. Un Ponte per ...
www.unponteper.it


 

 

 

 

 





Banaadiri, The renewal of a
    
millenary identity’ is
      
published, Italy.
       
In order to have
          it contact us

 



New
Corno d’Africa, fuga dall’inferno
di E. Casale &
Mohamed ABBAS Sufi

Si trova già in edicola
Published in June 2004

 



Novembre 2003
Attualita italiana/Immigrazione
di Bianca S. = Mohamed Abbas
PANORAMA - Fuga dalla Nazione
che non esiste più |
 
Con la guerra civile, lo stato è nel caos.
Non c'è il governo e neppure l'anagrafe.
Così, i profughi che sopravvivono alla
traversata non possono neanche
chiedere asilo politico. 
 

 


Rivista Africa & Mediterraneo
Nr. 3/01 (37) - Totale Pag. 80 pp
Situazioni
Banaadir, un popolo e un'identità
negata a cura di Mohamed Abbas Sufi

 

 

 

 

 



 

Nuredin Hagi Scikei
Somalia: un’invenzione italiana
















 
Congresso Internazionale sul Corno d'Africa
Seminaire de Rome sur la Corne d'Afrique
Il Congresso Internazionale
Corganizzato dall'ACBI con
L'università di Bologna, sul
Tema ''
The Horn of Africa between
History, Law and Politics'' 2002/2003
Il programma nel sito dell'Univ. di Bo

Horn of Africa - UniBo Magazine





 
Immigrati e italiani: il futuro è convivenza



Profile and Book Review
BANAADIR: The Country of Harbors

By Irena Knehtl

Marka. This coastal city is 50 km south of
Mogadishu, and was founded by the Arab
Banaadiris.

iren_knehtl@yahoo.com
For the Yemen Times












 

 




ASSOCIAZIONE CULTURALE DEI BANAADIRIANI
IN ITALIA (ACBI)
-
I Banaadiri sono un popolo
multietnico e mutliculturale che abitano nel
Corno d'Africa.Essi sono composti da popolazione
di origine Araba, Bantu e altri gruppi Cusciti.
Banaadir è una delle regioni più antica
dell'attuale Somalia,  ed il suo capoluogo è
Mogadiscio detta anche '' XAMAR''.
Il sito  - websitedei banaadiri in Italia :
    
www.banaadiri.org   

moh_cabbas.jpg (30017 bytes)

 


Presidente dei Banaadiri in Italia ( ACBI).
Il presidente dell'Associazione Culturale dei
Banaadiriani in Italia - ACBI, è uno membri 
attivi e promotore del gruppo che fondo’ la
stessa Associazione.
Egli è
uno dei portavoce del Popolo Banaadiri
nel mondo,
e si propone di stimolare l'attenzione
delle cancellerie inter
nazionali, sopratutto in
Europa, con proposte che possono
contribuire
alla soluzione politica dei gravi problemi del
Corno
d'Africa (una regione legata all’Italia da
 una lunga storia di rapporti culturali, politici,
economici e sociali). 

 

 

 

 

 


Foto di Gruppo del Congresso Internazionale
sul tema Corno d'Africa tra Storia, Diritto e Politica,
coorganizzata con l'Univ. di BO - Copyright ACBI

 

 

 


 


Foto di un Gruppo di Banaadiri al secondo
Congresso Intern. dei Banaadiri in Netherland
anno 2002 - Copyright ACBI

 

 

 

 

  

President of Banaadiri     President of Banaadiri Italy
Italy                                  Netherland

 

 

 

 

 
President    Banaadiri   President    Banaadiri
Swiss                              United Kingdom
 

 

 


 


President    Banaadiri   President    Banaadiri
Swiden                            Minesota - USA
  

 

 

 

 


Giornalista Banaadiri   Intellettuale Banaadiri

 

 

 

 

 Rappresentanti dell'Istituzioni Ollandese

 

 

 

 

Intellett. Banaadiri       Resp. giovani Banaadiri 

 

 

 

 

Intellettuale Banaadiri     Intellett. Banaadiri 





 



Salim H. Mao/Master of Markacadeey

salim_mao_3 copy.jpg (23919 bytes)

Foto di gruppo di banaadiri in Ollanda

all6 copy.jpg (45476 bytes) 
engabbas.jpg (24845 bytes)
holland2.jpg (29259 bytes)
salim2.jpg (26418 bytes)
odoyaal1.jpg (30240 bytes)
all3 copy.jpg (41122 bytes)
aweys_khamis2.jpg (32550 bytes)
odayaal5.jpg (41019 bytes)
odayaal9.jpg (42898 bytes)
odayaal10.jpg (40083 bytes)
shirka_2aad_13.jpg (44490 bytes)
sharif_cumar.jpg (39870 bytes)
anisa.jpg (41556 bytes)
guud1.jpg (43205 bytes)
guud4.jpg (44304 bytes)
ikar1.jpg (34306 bytes)
















muridi1.jpg (39339 bytes)
A.jpg (25929 bytes)
sharif_cumar3.jpg (35901 bytes)
aweys_axmed.jpg (41225 bytes)
buwe.jpg (34499 bytes)
x2.jpg (35790 bytes)
holland2.jpg (29259 bytes)
shirka4.jpg (25652 bytes)
sharif_cali.jpg (27221 bytes)
moh_cadde.jpg (29983 bytes)
oday4.jpg (23065 bytes)
nuur_sharif2 copy.jpg (23995 bytes)
maclow1.jpg (33075 bytes)
ibrahim.jpg (24127 bytes)
 
oday11.jpg (18210 bytes)
minesota.jpg (33746 bytes)
moh_xabib.jpg (27007 bytes)
from_swiss.jpg (22827 bytes)


Contact Banaadiri in Italy:


banaadiri@gmail.com
or,
banaadiri1@yahoo.it


3 gennaio 2008

Dibad bax lagu taageerayay dowladda Soomaaliya ...

 

Dibad bax lagu taageerayay dowladda Soomaaliya kana dhan ahaa argagixisada oo ka dhacay magaalada Portland,ee dalka mareykanka.


Dibad bax ballaaran oo lagu taageerayay dowladda federalka Soomaaliya ayaa waxaa uu ka dhacay magaalada Portland ee gobalka Maine ee dalka mareykanka,waxana dibad baxaas oo xalay dhacay ay dadweynaha Soomaaliyeed ee ka qeyb galay ku muujinayeen taageerada ay u hayaan dowladda Federalka Soomaaliya.

Ka qeyb galayaasha banaanbaxa ayaa ku qeylinayay erayo ka dhan ah argagixisanimada iyo kooxaha maxkamadaha Islaamka sheegta oo iyaguna nidaamka argagixisanimada ku shaqeeya.

"Waanu kasoo horjeednaa asal raacnimada iyo mintidnimada "sidaasi waxaa yiri Oday lagu magacaabo Noor Ismail oo ka mid ahaa ka qeyb galayaashii banaanbaxa.

Banaanbaxan ayaa waxaa uu ahaa kii labaad oo mudo sadex maalin ah gudohood ka dhaca magaalada Portland ee dalka mareykanka,kaas oo lagu muujinayo taageerada loo hayo dowladda Federalka Soomaaliyeed.

Banaanbaxyadii magaaladan ka dhacay maalimihii Jimcihii iyo Axadii ayaa lagu amaanay howlgalka nabad ilaalinta ee ciidamada Afrikaanku ka wadaan dalka Soomaaliya.

Intii uu soconayay mid ka mida banaanbax yadan ayaa dad lagu qiyaasay 60 ruux waxaa ay iyana dhigeen dibad bax wax u ekaa oo lagu taageerayay argagixisanimada,waxaase aad uga badnaa dadka Soomaalinimada doonayay.

"Ethiopia,waa dariskeena waxaana ay hada ciidamada Itoobiyaanku isku dayayaan in ay inaga wax noo taraan"ayuu yiri Saeed Osman, oo 26 jir ah dagana magaalada Portland.

Dadka Soomaalida ee banaanbaxaa dhigay ayaa ku baaqay in lasii wado taageerada ay dowladda mareykanku siiso Soomaaliya,waxaana ay in badan oo banaanbaxa yaasha ka mid ahi sare u hayeen calanka dalka mareykanka.

"Waxaanu doonaynaa in aan aragno dalkeena oo nabad ah si aan ugu laabano dhulkeenii" sidaana waxaa yiri Oday Soomaaliyeed oo banaanbaxa ka qeyb galay laguna magacaabo Mohamed Issak,kana mid ahaa qaban qaabiye yaashii banaanbaxa.


Xafiiska warqabadka shabakada -wararka-Puntlandnewsmedia.com USA




permalink | inviato da Banaadiri il 3/1/2008 alle 19:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 settembre 2005

Tessile: Ue-Cina, sblocco import




Tessile: Ue-Cina, sblocco import:
ANSA - BRUXELLES, 5 SET - L'accordo tra Ue e Cina a Pechino prevede lo sdoganamento di circa '87 milioni di capi di abbigliamento'. Lo precisano fonti di Bruxelles, sottolineando che, sulla base dell'intesa, il 50% di tale quantitativo 'sara' a carico dell'Ue e l'altro 50% andra' a ricadere sulle quote 2006 dell'import cinese, che ovviamente saranno piu' basse'. Verranno quindi sbloccati tutti gli 87 milioni di maglioni e degli altri prodotti cinesi fermi alle dogane europee




permalink | inviato da il 5/9/2005 alle 17:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 ottobre 2003

Re : lessons from Mogadishu - National Post

Lessons from Mogadishu

Monday, October 27, 2003

This month marks the 10th anniversary of a dark day for the United States: The Oct. 3, 1993, firefight in Mogadishu, Somalia, that killed 18 U.S. Rangers and wounded 84 other U.S. military personnel. The episode was a tragedy not just for the soldiers and their families, but also for the ordinary Somalis whom peacekeepers had come to help. With Americans horrified by the scenes of carnage they saw on television, then-president Bill Clinton would eventually pull his troops from the country. Somalia fell into a pervasive chaos from which it has not yet fully recovered.

The gunmen the U.S. army fought 10 years ago were controlled by a local warlord, Mohamed Aideed. But the world has since learned that al-Qaeda also played a role: Osama bin Laden had recently disseminated fatwas to his followers urging them to attack U.S. forces stationed in the Horn of Africa. According to U.S. prosecutors, Muhammad Atef, the al-Qaeda military chief killed in Afghanistan two years ago, travelled to Somalia in 1992 and 1993 to scout out U.S. targets and train local tribesmen. A second high-ranking bin Laden lieutenant, Ayman al-Zawahiri, is believed to have helped plan hit-and-run attacks on American soldiers. Add it all up and Mogadishu, 1993, can be seen as al-Qaeda's first operation against the United States.

In a 1998 interview published in Esquire, bin Laden gloated over events in Somalia. "After leaving Afghanistan the Muslim fighters headed for Somalia and prepared for a long battle thinking that the Americans were like the Russians," he told the magazine. "The youth were surprised at the low morale of the American soldiers and realized, more than before, that the American soldier was a paper tiger and after a few blows ran in defeat."

For Muslim radicals, Mogadishu only reinforced the lesson learned a decade earlier in Lebanon. On October 23, 1983, 20 years ago last Thursday, Iranian-backed Shiite terrorists obliterated a military headquarters in Beirut, killing 241 U.S. Marines and 56 French troops. Foreshadowing events in Somalia, then-U.S. president Ronald Reagan ordered U.S. forces to return home shortly thereafter.

In his 1996 "Declaration of war against the Americans Occupying the Land of the Two Holy Places" -- bin Laden's term for Saudi Arabia -- the al-Qaeda leader taunted the United States about the abandonment of Beirut in 1983 and about the 1992 bombing of a hotel in Yemen. But, he said, "Your most disgraceful case was in Somalia; where after vigorous propaganda about the power of the U.S.A. and its post-Cold War leadership of the new world order you [deployed] tens of thousands of international forces, including 28,000 U.S. soldiers. However, when tens of your soldiers were killed in minor battles and one American pilot was dragged in the streets of Mogadishu, you left the area carrying disappointment, humiliation, defeat and your dead with you ... It was a pleasure for the heart of every Muslim and a remedy to the chests of believing nations to see you defeated in the three Islamic cities of Beirut, Aden and Mogadishu."

Two years after this "declaration of war" was issued, bin Laden added Nairobi, Kenya and Dar-es-Salaam, Tanzania to his list. In 2001, he added New York City.

Mogadishu, then, should not be seen as an isolated fiasco. What happened in 1993 delivered crucial psychological momentum and recruits to a mad holy warrior who saw both God and history on his side.

There is nothing the West can do about how Islamist fanatics view God. But there is something we can do about history. The foreign policy lesson of Somalia is a simple one, and one that the United States must apply in Iraq and Afghanistan: Never run away. Never encourage the conceit that the West can be bullied by murderers. Staying in Somalia long enough to restore order would have likely cost the lives of scores of U.S. soldiers. But in the long run, it would have saved many times that. It might even have prevented 9/11.

Fonte : © Copyright 2003 - National Post




permalink | inviato da il 28/10/2003 alle 13:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 ottobre 2003

Re : Libro sul popoli d'Africa

Molti non hanno notizia della pubbl. di libro di alto livello come questo.

Questo libro ci informa molto sulla popolazione di tutta l'Africa.




permalink | inviato da il 2/10/2003 alle 11:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 ottobre 2003

Re : Un nuovo Libro sul Banaadir e Somalia




permalink | inviato da il 2/10/2003 alle 10:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 ottobre 2003

Un buon libro uscito in Italia di Prof. Albero Arecchi




permalink | inviato da il 2/10/2003 alle 10:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 giugno 2003

Libro nuovo sulla storia del Banaadir di....

Copertina

I banaadiri sono un popolo multietnico del Corno d'Africa. Essi vivono lungo la fascia costiera meridionale dell'area geografica a cui gli italiani, nel 1908, diedero il nome di "Somalia". Questa monografia vuole richiamare le ricerche, sparse, esistenti sull'argomento e mostrare la complessita' e l'evoluzione della societa' dei banaadiri prima del colonialismo italiano. Le fotografie di supporto aiuteranno a ricomporre una memoria che parte, con ogni probabilita', dalle aree mesopotamiche, attraversa lo Yemen ed infine approda sulle sponde orientali dell'Africa, contribuendo alla nascita ed alla formazione del Banaadir.

NUREDIN HAGI SCIKEI e' nato a Mogadiscio ed e' discendente di una dinastia religiosa, gli Al Faqi o Qahtaan), che dal Medioevo fino ai primi anni dell'occupazione italiana, fu incaricata dai banaadiri di gestire la giustizia nel territorio. Si e' laureato in ingegneria idraulica a Bologna e dal 1990 e' molto attivo nella difesa dei diritti del popolo banaadiri. Ha scritto diversi articoli su periodici italiani.

Questo scritto riguarda alcuni aspetti della sotria e delle civilta' dei banaadiri, un popolo che viene confuso son i somali, ma che non ha nulla a che fare con loro. E' vero che banaadiri e sonali hanno interagito per lungo tempo, attraverso relazioni commerciali, ma essi differiscono molto per quanto riguarda la struttura sociale, l'espressione artistica, l'artigianato, l'architettura e, in molti casi, anche etnologicamente e linguisticamente. I banaadiri vivono nella regione del Banaadir scritta Benadir dagli italiani) che inizia dalla cittadina di Warshheckh, a nord di Mogadiscio, e arriva fino a sud di Kisimaio e dintorni. Essi sono un popolo multietnico che include arabi, bantu e gruppi cusciti. Gli arabi che si sono insediati in questa area piu' di mille anni fa, provengono quasi tutti dallo Yemen. I veri protagonisti alla urbanizzazione del Banaadir furono gli yemeniti, che fondarono le prime scuole, occupandosi dell'istruzione. In queste scuole si imparava a leggere e a scrivere in arabo per comprendere il Corano. Gli yemeniti svilupparono l'economia del paese su larga scala e la collegarono con la vasta rete commerciale del mondo islamico...

Fonte Clueb

 




permalink | inviato da il 30/6/2003 alle 8:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 giugno 2003

Re : Libro sul Zanzibar e Africa Orientale di ....

LIBRI SULL' AFRICA
Beatrice Nicolini

IL SULTANO DI ZANZIBAR NEL XIX SECOLO
Beatrice Nicolini - Ed. Harmattan Italia, 2002

L'Harmattan Italia, Torino, 2002, ha vinto il premio (Grant) di £500 della Society for Arabian Studies, The British Academy, Londra, per venir tradotto e pubblicato in lingua inglese.

Il presente studio é stato impostato seguendo una metodologia che richiede una breve illustrazione. In via preliminare ci si é basati essenzialmente sull'individuazione delle principali tematiche storico-istituzionali alla luce delle documentazioni reperite negli archivi e nei fondi documentali occidentali ed orientali, prevalentemente in lingue occidentali, e su indagini eseguite direttamente sul campo (Asia, Arabia e Africa) con lo scopo precipuo di verificare ed integrare le investigazioni compiute in ambito bibliografico.
Considerato l'ampio respiro e la prospettiva d'indagine di tale approccio storico e storiografico, si Ë inteso privilegiare la rilettura e la rivisitazione di quelle principali vicende storico-politico-istituzionali che videro al centro degli interessi regionali ed internazionali il ruolo rispettivamente svolto dalla dinastia arabo- omanita degli Al Bu Saíidi, nonché le loro interconnessioni, reciprocità, influenze e ripercussioni nelle diverse aree prese in esame entro le dinamiche delle relazioni con le potenze europee dell'epoca.
Conseguentemente, la visione omanita di tre terminali ñ Maskat, Makran e Zanzibar ñ risulta volutamente parziale nella storia dell'oceano indiano occidentale. Tuttavia, si ritengono tali tematiche cruciali entro il vasto panorama della storia della rivalità anglo-francese nel golfo persico e nell'oceano indiano occidentale durante la prima metà del diciannovesimo secolo, e al centro di numerosi dibattiti in ambito storico e storiografico. La prospettiva metodologica, per quanto su vicende e personaggi orientali, rimane essenzialmente basata su fonti in lingue occidentali proprio perché concentrata sulle relazioni tra Saiyid Saíid bin Sultan Al Bu Saíidi, sovrano arabo-omanita di Muscat e di Zanzibar, e l'Europa.
L'intersecarsi di popoli, di merci e di culture diede vita da un lato a piu civiltà costiere, inevitabilmente influenzate dalla presenza europea, e, dall'altro, a diversificati contatti e scambi tra le genti delle coste e le popolazioni dell'interno dei continenti oggetto d'indagine.
Durante il diciannovesimo secolo il delinearsi dello scenario delle strategie adottate dalle potenze europee - in particolare dell'amministrazione della compagnia delle Indie orientali e del governo anglo-indiano - nei confronti dei principali porti strategici lungo i litorali del golfo persico e dell'oceano indiano comportò inevitabilmente il coinvolgimento delle autorità locali.
Intensi furono sempre i legami tra la penisola arabica e la fascia costiera della regione asiatica del Makran, ove quest'ultima fu sede di reclutamento di truppe mercenarie destinate alla difesa dei potentati arabi, nonché sicuro rifugio durante le alterne vicende politico-dinastiche di quest'ultimi.
Lungo i litorali dell'Africa orientale gli scambi di merci e di spezie preziose e ricercate, ma anche di avorio e, soprattutto, di schiavi destinati ai mercati e alle corti europee ed asiatiche furono altresì frequenti. Si Ë tentato di far emergere qui uno scenario che fece di quest'area liquida un mondo cailendoscopico fortemente sinergico - certamente piu sinergico di quanto la pubblicistica del secolo scorso avesse ipotizzato - costituito dalla circolazione delle genti, delle merci, delle idee, delle culture. Insomma un mondo che poteva giù definirsi secondo una terminologia contemporanea a pieno titolo, globale.
Tale studio si propone dunque di valorizzare da un lato le sintesi culturali delle realtà locali attraverso il field work, dall'altro di porre in essere i processi d'interazione tra ricerche d'archivio e bibliografiche, come detto precedentemente, alla base dello studio stesso. A questo riguardo, il crescente fermento anche in Italia in ambito pubblicistico sulla storia dell'isola di Zanzibar riveste oggi un'importanza quanto mai cruciale. La nuova prospettiva storica che tende ad individuare nelle intense relazioni tra le coste, le prospicienti isole e l'interno dei continenti oggetto del presente studio, non piu uno stato di quasi totale incomunicabilità, isolamento e staticità, bensì in un intenso e dinamico traffico di genti, mercanzie ed idee, con effetti rilevanti sulla società, Ë altresì da ritenere estremamente valida ai fini di un'interpretazione più esaustiva ed aggiornata. » noto come lo studio della storia dell'isola di Zanzibar non sia più da considerarsi come mera ricostruzione agiografica. Si ritiene che siano da tenere in considerazione i seguenti temi evolutivi in ambito storico-politico-istituzionale: la presenza di differenti gruppi etnico-sociali e religiosi, l'instaurazione della dominazione arabo-omanita tra la fine del diciottesimo e l'inizio del diciannovesimo secolo, e qui insorge il complesso ed articolato concetto di statualità secondo la concezione orientale ed occidentale; l'influenza fondamentale delle comunità mercantili indiane e delle comunità asiatiche; il ruolo svolto dalle truppe mercenarie al servizio delle dinastie arabe presenti in Africa orientale; l'importante presenza degli arabi non omaniti, soprattutto provenienti dalle regioni meridionali della penisola arabica, e cioè dall'Hadhramaut, dallo Yemen, e, non certo da ultimo, l'impatto con le popolazioni swahili della costa dell'Africa orientale a sud del Sahara. Tutto ciò naturalmente in relazione ai rapporti con l'Europa del tempo.
Il ruolo svolto dalla civiltà swahili nella storia dell'oceano indiano occidentale Ë anch'esso oggetto di intensa rivisitazione e reinterpretazione storica grazie a recenti e innovative teorizzazioni che tendono complessivamente a riposizionare la reale collocazione storica e linguistica della civiltà swahili in particolare e del continente africano in generale entro un quadro più obiettivo d'influssi provenienti da altri terminali, soprattutto Persia, Arabia e India, dove le popolazioni provenienti da queste aree non furono le sole protagoniste in Africa.
E il tentativo di comprendere la percezione che l'Europa, e soprattutto la gran Bretagna, acquisì del primo sultano di Zanzibar Ë dunque l'obiettivo di tale sfida.




permalink | inviato da il 27/6/2003 alle 15:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre       
 

 rubriche

Diario
La Regione del Banaadir
ACBI
Immigrazione
Informazione dal Banaadir e dalla Somalia
Esteri
Africa
Politica
Informazioni Utili in Italia
Libri di Storia sul Banaadir e sul Corno d'Africa
Dhalasho

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Puntland News Media
Università di Bologna
Democratici di Sinistra
L'Unità
Amnesty International U.K.
United Nation
Banaadiri Bibliography
Yemen Times
Sito utile della Somaliland
Sito dell'UNHCR
Unione Europea (UE)
Khaleej Times UAE
Sultanate of Oman - OMAN -
CISL Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
(CGIL) Confederazione Generale Italiana del Lavoro
Ministero degli Interni
Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali
Banaadir Community in New Zealand [Home]
Nigrizia.it - il sito dell'Africa e del mondo nero
News Asmarino Com Front Page
Rivista 'Africa e Mediterraneo
League of Arab States Information
Arab News Paper Al Hayat
Bantu del Banaadir(Som)
Somaliland Times
Petracci Studio
Notizie per gli immigrati in Italia
Assoc. Areas nel FVG-Italy
Southern Somali Union
Sito Nuredin Scikei
La Regione del Banaadir
La Regione del Banaadir
sito Utile
Banaadir Community in Kuwait
banaadir Italia
DPR 334/04
Ilaria alpi
Associazione Culturale WarNews
Baidoa
guulane
Regione Emilia Romagna
Regione Friuli Venezia Giulia
Rivista Popoli
Riviste Italiane Utili
Rivista Intern. di Architettura
Rivista Internazionale in Italia
Istat - Italaina
Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro-CNEL
Comune di Pordenone
Comune di Roma
Comune di Gorizia
Eurostat
Risultato Elezione Amministrative del 2003 - in Friuli V.G.
Emergency - di Gino Strada
MATILDE MADRID
SERGIO COFFERATI
markacadey- net
Banaadir - Italy - ACBI
PAOLA T. BRUNI
GRUPPO 85
POPOLI
INTERNAZIONALE
ESPRESSO
LIUTPRAND - Alberto Arecchi
AIR ONE - ITALY
RYANAIR - ITALY
VOLARE - ITALY
Cultural Orientation Resource Center
Ansa Italiana
Nuccio Iovene
Un Ponte Per ...
Sito Utile . Asia
Sito Utile USA
Comuni Italiani
Mod. auto
Ajeeb
Nessuno.tv
Muslim Friendship
Gazzetta della Politica
Telefonate Gratis dal P/C - Inform.
Inform. Dal Medio Oriente & Mondo Arabo
Islam Ciid Card
Al Faqi (Qataan)
Alternative Media
Il Manifesto
Ajeeb.trans.utile
Al Jazeera
markacadeey
mercurio
Blog
Sito Banaadiri
Music
Banaadiri-Splinder
RaiNews24
Manifestazione ITALO/AFRICA
Banaadiri-1
banaadiri
STFG-Somali Federal Gov
SOuthern Somali Union
mercurio
Petracci

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom